• PARIGI 2.0

    Si riparte per la Francia, destinazione :Parigi. Non è passato molto tempo dall’ultima volta, ma quando il desiderio di tornare si fa sempre più pressante cedo al suo richiamo. Sono arrivato ieri sera ed una volta raggiunto l ‘hotel e lasciato il mio fedele zaino, sono uscito alla ricerca di un ristorantino che mi facesse respirare L’atmosfera della mia adolescenza. Poco lontano da Pompidou, alle porte del Marais, ho scovato un piccolo ristorante dove non mi sono sentito affatto solo. Appena accomodato al tavolo uno splendido gattone con degli occhi splendidi a cui mancava solamente la parola si è accomodato sulla sedia di fronte a me e mi ha fatto…

  • Un abbraccio a Bologna

    Sono alcuni giorni che rifletto e mi interrogo sui cambiamenti che dovrò necessariamente apportare alla mia vita come se fossi ormai giunto alla chiusura del cerchio. Con la giusta distanza mi guardo indietro e senza nessuna malinconia o rimpianto scoppio in una grande risata, come quelle dello zio Bertino. Sonore e contagiose. Risate che ti entrano dentro e ti scuotono l’anima. Forti come una pacca sulla spalla della persona che ami e che ti dice: `Amore dai, andiamo! ‘. Questo fine settimana ho riscoperto la mia Bologna come se fossi un turista, visitando luoghi che vedo ogni giorno, ma con l’indifferenza di chi sa di avere le cose a portata…

  • Neve

    La neve in città provoca sicuramente qualche disagio, ma come si fa a non amarla? Ieri sera quando sono rientrato a casa i fiocchi di neve cadevano lentamente e copiosamente sulla strada, coprendo ogni cosa, rendendo i nostri movimenti più lenti, trasformando gli attimi in secondi, creando una atmosfera surreale che concilia i pensieri più turbati. Percorrendo via Nosadella all’incrocio con via sant’Isaia, dove inizia piazza Malpighi, le rotte lasciate dagli autobus generavano un reticolato che proseguiva, infinito all’orizzonte. Sulle medesime tracce se ne genaravano sempre delle nuove, nel silenzio di una notte coperta da una coltre ancora fresca. La gente quando nevica si chiude in casa… mi diverte camminare…

  • Sfida all’ultimo secondo

    Oggi alla prova del cuoco la sfida era veramente accesa…a quasi due minuti dalla fine non avevo ancora concluso i tortellini di faraona e salame di cinta senese su cui contavo per la riuscita della gara… Un minuto nella vita di tutti i giorni può sembrare un lasso di tempo breve, fulmineo che passa in un battito di ciglia; alla prova del cuoco in un minuto ti rendi conto di essere in grado di stravolgere completamente l’esito di una gara che sembrava perduta. Quando è scoccato il count down sono riuscito a completare entrambi i piatti, consentendomi di passare alla fase dell’assaggio dei giudici…una vera e propria corsa contro il…

  • BUS 13 – BOLOGNA

    Martedì: primo giorno della settimana per me… la sveglia segue il solito ed immutabile rituale:quattro sveglie spente l’una dopo l’altra, salto fuori dal letto con ancora gli occhi semi chiusi, coccole alla Franca che in quel momento sta ancora dormendo sul divano, doccia, colazione, passeggiata con Franca e l’immancabile 13. Il 13 è il bus con il quale mi reco al lavoro, è lo stesso bus che da bambino prendevo per andare a trovare mamma al lavoro in via Saffi, il medesimo che prendevo per andare a scuola e poi d’estate all’acqua azzurra solamente fino a via del triumvirato e poi a piedi… Mi fa sorridere come un semplice bus…

  • Il riposo dello chef

    Il lunedì è il giorno dedicato al riposo del cuoco, in cui può vedere la luce del sole ed apprezzarne il tramonto. In questa giornata si concentrano tutte le commissioni di casa: pulizie, spesa, riflessioni e programmazioni delle giornate successive. Il lunedì presenta anche dei vantaggi dal punto di vista logistico:  tu riposi mentre gli altri lavorano il che significa che eccezion fatta per i parrucchieri, andare a fare la spesa risulta più snello e rapido. Magra consolazione, ma dopo tanti anni non faccio caso a lavorare i giorni di festa. Tutta questione di organizzazione. Questo pomeriggio ho iniziato a pensare al nuovo menu del ristorante. Come al solito, nel…

  • Domenica mattina

    Al suono della sveglia mi rigiro nel letto con l’inconsapevolezza della giornata che sta per iniziare. Le mie persiane sono sempre aperte, mi piace che la luce del giorno entri gradualmente in camera, mi accarezza dolcemente dandomi il buongiorno. Un po’ come faceva mia nonna da bambino che allo scoccare dell’ennesima sveglia entrava in camera con passo sostenuto, spalancava le finestre e tapparelle e con voce chiara ed autorevole mi diceva:”mi hai fatto svegliare ora ti alzi! “ Col passare degli anni le dinamiche sono cambiate, ma quelle persiane rimangono aperte per ricordarmi che è ora di andare. Da qualche tempo a questa parte posso dire che sia bello svegliarsi…

  • Adrenalina del Sabato sera

    Sabato sera per noi del mondo ‘cucina’ significa scarica di adrenalina per portare a termine il servizio più impegnativo della settimana. L’atmosfera che si respira nell’aria, di festa e divertimento per alcuni, per me è semplicemente di lavoro, il lavoro che ho scelto. Amo il mio lavoro, amo il cibo e tutto ciò gli gravità intorno. Il battere ritmico dei coltelli, il profumo del brodo, la tensione e la quiete dopo la battaglia fanno parte di me. Questa sera il servizio è stato particolarmente impegnativo, ma alla fine si è concluso bene grazie ad un buon lavoro di squadra. La squadra, coesa ed affiatata, è la cosa più importante per…

  • Vacanze finite…si riparte

    Natale è passato lasciando un segno forte e deciso che mi sta accompagnando in queste settimane con un ritmo sempre più incalzante, piacevole in tutte le sue forme. Era da parecchio tempo che non ascoltavo il mio cuore battere, dando per scontato che quel battito così naturale ci fosse sempre e comunque a prescindere da tutto e tutti. Da domani le ferie resteranno un dolce ricordo. La quotidianità e l’improbabile routine si ripresenteranno puntuali. Non ho trascorso delle vacanze esotiche, ma all’insegna di una tranquilla e serena ‘normalità’ che non incontravo da ormai tanti anni. Domani sarebbe stato il compleanno della mia nonna, quella donna che mi ha fatto amare…